Una tradizione di famiglia

Intervista a Claudio Correggi

Dalle origini ad oggi

la nostra storia

1915

Oltre un secolo di tradizione


La lavorazione del sughero è una tradizione di famiglia che ha origini antiche e si sviluppa a Cervarezza, un paese dell’Appennino Reggiano da cui provengono i nostri antenati. Qui i pastori, di ritorno dalla transumanza in Maremma, portavano la corteccia di sughero da lavorare manualmente nelle case e nelle cantine per ricavarne i tappi, che sarebbero poi stati venduti in pianura. La nostra famiglia, insieme ad altre del luogo, è parte di questa storia di scambi commerciali e culturali che furono in grado di rendere fiorente l’economia di quel piccolo paese. Questa storia oggi è raccontata nel Museo del sughero di Cervarezza.

1962

Da artigiani a imprenditori


Nel 1962, Primo, Battista, Quarto e Giovanni Correggi fondano Italsughero a Montecchio Emilia.
“Nostro nonno, con i figli più grandi, veniva a Montecchio per la fiera di San Simone a vendere i tappi che faceva a Cervarezza: gli piacquero il paese e la sua gente e negli anni ’50 si stabilì qui. Poco dopo, nostro padre Primo insieme ad alcuni dei suoi fratelli fondarono l’azienda con il nome che porta ancora oggi”.
Ciro Correggi

1980

Vent'anni di avventura


Dopo quasi vent’anni di avventura imprenditoriale che hanno consentito ad Italsughero di posare fondamenta solide, i quattro fratelli si sciolgono. Battista, Giovanni e Quarto vengono liquidati e Primo rimane l’unico proprietario dell’azienda che nel giro di pochi anni trasmetterà ai figli: Ciro e Claudio.
(foto: Primo Correggi)

1992

Il primo tappo tecnico


Nel 1992 installiamo la prima macchina incollatrice: è un passo importante che ci consente di differenziare i nostri prodotti e aprire le porte di nuovi mercati che negli anni diventeranno centrali per la nostra azienda. Si tratta di un’innovazione di prodotto importante per Italsughero che ci porta ad acquisire nuove competenze, fornitori, strumenti ed un nuovo modo di creare valore.

1993

Verso nuove terre


La necessità di aumentare i volumi produttivi e la ricerca di materie prime di sempre migliore qualità portano le nuove generazioni della famiglia Correggi ad avvicinarsi alla Spagna, precisamente a Jerez de Los Caballeros nella comunità autonoma dell’Estremadura dove sorgono foreste di querce da sughero che, grazie alle condizioni climatiche e al terreno, garantiscono una materia prima di altissima qualità. La presenza continua nel territorio ci ha consentito di radicarci e instaurare importanti relazioni per l’approvvigionamento che nel tempo si sono intensificate fino a consentirci un diretto presidio delle primissime fasi di lavorazione del sughero a seguito dell’estrazione della corteccia in foresta: stoccaggio, stagionatura e prima bollitura.

2001

Il laboratorio e le nuove tecnologie


Nel 2001 inauguriamo il primo laboratorio interno di Italsughero per consentire continui controlli sulla materia prima, sui materiali ausiliari, sui processi produttivi e sul prodotto finito.
“Avevamo aumentato i volumi, differenziato i nostri prodotti ma a quel punto era chiaro che dovevamo fare un salto per distinguerci e quel salto doveva essere nella qualità, nella sicurezza dei nostri prodotti e tutto questo doveva avvenire grazie alle nuove tecnologie. Ecco che abbiamo costituito un laboratorio interno per lavorare a tempo pieno sul controllo della qualità e sull’attività di ricerca e sviluppo”.
Claudio Correggi

2008

Il Portogallo


Nel 2008 decidiamo di replicare quello che negli anni ’90 era stato fatto in Spagna e ci radichiamo in Portogallo: il primo produttore di sughero al mondo. La presenza sul territorio portoghese è essenziale sia per l’approvvigionamento che per effettuare i primi controlli di sbarramento sulla materia prima.

2021

La sfida della sostenibilità


Nel 2021 intraprendiamo un percorso di sostenibilità animato dalla voglia di andare oltre gli obblighi formali e la sola dimensione economica dei risultati. Per questa ragione abbiamo introdotto il primo bilancio di sostenibilità come nuova pratica per rendicontare anche i risultati in ambito sociale ed ambientale. Inoltre, attraverso il coinvolgimento dei nostri collaboratori abbiamo definito un piano di sostenibilità per guidare le azioni future.

Oggi siamo una azienda tecnologicamente all'avanguardia che presidia l'intero processo produttivo e il principale produttore italiano di tappi in sughero per vino spumante e frizzante.

Oggi siamo una azienda tecnologicamente all'avanguardia che presidia l'intero processo produttivo e il principale produttore italiano di tappi in sughero per vino spumante e frizzante.